Ricostruzione capezzolo

Dopo un intervento di ricostruzione mammaria eseguito in seguito all’asportazione chirurgica della mammella che preveda anche l’asportazione del capezzolo e dell’areola, sarà possibile ricostruire questi ultimi con particolari tecniche di chirurgia plastica ricostruttiva.
Il capezzolo viene ricostruito solitamente prelevando la metà inferiore di quello ancora presente nella mammella controlaterale (nei casi di mastectomia monolaterale). Nel caso in cui entrambe le mammelle siano stato asportate, il capezzolo sarà ottenuto con l’utilizzo di piccoli lembi cutanei locali.

RC 1 RC 2 RC 3 RC 4

L’areola viene solitamente ricreata con un tatuaggio con un innesto cutaneo prelevato dalla piega inguinale con una piccola incisione che non lascia praticamente alcun  segno.

Capezzolo Introflesso

cap retrIl capezzolo introflesso è una malformazione congenita caratterizzata dal collasso del capezzolo all’interno dell’areola. Ciò è causato da una anomala retrazione dei dotti galattofori che collegano la ghiandola mammaria allo stesso capezzolo.

Questo difetto estetico è facilmente risolvibile con un piccolo intervento ambulatoriale di rilascio dei dotti attraverso una piccolissima incisione alla base del capezzolo.

La cicatrice che rimane è praticamente invisibile.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information